Oi ne'!

capitale periferia


Lascia un commento

“Se faccio un figlio lo chiamo Precario” …scusate il ritardo!

Venerdì 28 dicembre a partire dalle 19:30 presso il Circolo Arci Marea in Via Gerardo Cono Capobianco, Mercatello (Salerno) si terrà il secondo incontro “Se faccio un figlio lo chiamo Precario” nell’ambito della rassegna Oi ne’ – esperimenti provinciali.

C’è sempre qualcosa in sospeso mentre rincorriamo quel tempo che ci ricorda i nostri ritardi. Per noi la scrittura, la lettura, la musica sono strumenti per animare intelligenze e sensibilità, per sfidare il Buio della narrazione unica. Oi ne’ è un grido. Ti sveglia, ti sollecita. Ti fa tornare coi piedi in terra e guardare al reale.
Ancora una volta, dopo 3 anni, vogliamo costruire un ponte sugli abissi del nostro quotidiano, ancora una volta lo facciamo tutti insieme, con leggerezza e passione.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
|| Programma in aggiornamento ||

~ H 19 – Aperitivo precario ma SOSTANZIOSO
~ H 20 – …scusate il ritardo! reading&musica, testi inediti, autoprodotti per raccontare il nostro tempo, da più punti di vista, da più generazioni
~ H 22 – Emigrant Party, VYNIL SET con APO

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
Durante la serata troverete il nostro secondo prodotto editoriale in carne, carta ed ossa. “Se faccio un figlio lo chiamo Precario” raccoglie 8 autori, 8 testi in forma diaristica per 8 giorni, dal lunedì al lunedì, che descrivono la settimana precaria.
Puoi iniziarlo a leggere qui https://goo.gl/lFRQTS per entrare nel mood e ritirare la tua copia inedita alla serata.

Annunci